alluvione livorno - pelagatti ricognizione danni enrico rossi
I rappresentanti del volontariato siglano l'intesa col presidente Enrico Rossi
Alluvione Livorno: interviene il volontariato. Al genio civile labronico è stata firmata l’intesa per la ricognizione dei danni.
Il Commissario delegato Enrico Rossi ha firmato a Livorno le due intese per la ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive e dai privati durante l’alluvione del 10 settembre.

Anpas sottoscrive l’intesa

A sottoscrivere l’intesa la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, i Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo e le associazioni di volontariato del CORV Comitato Operativo Regionale del Volontariato, Per Anpas Toscana era presente il responsabile di protezione civile Egidio Pelagatti.
“Le nostre associazioni di zona – ha detto Pelagatti – si mettono a disposizione per la distribuzione delle schede a famiglie e imprese del territorio. La struttura regionale di protezione civile è disponibile a inviare in caso di necessita altri operatori dalle Pubbliche assistenze toscane”.

L’intervento del presidente della Regione

Rossi è stato chiaro: “Le schede per la ricognizione dei danni subiti dalle imprese e dai professionisti, come quelle per i privati cittadini, possono essere ritirate negli uffici che Fidi Toscana per gli operatori economici e Sviluppo Toscana per i cittadini hanno aperto presso la sede del Commissario delegato per l’emergenza a Livorno.

Le schede per i cittadini possono essere ritirate anche presso i Comuni interessati, ovvero Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, come quelle per le imprese possono essere ritirate alla sede livornese della Camera di commercio della Maremma e del Tirreno.

I cittadini devono consegnare le schede compilate a Sviluppo Toscana presso il Genio civile entro il 16 ottobre.

Imprenditori e professionisti, dopo aver consegnato la scheda entro il 16 ottobre alla Camera di commercio, potranno poi rivolgersi a Fidi Toscana per l’attivazione di un finanziamento senza interessi.

Ci tengo però a precisare che il 16 ottobre è il termine ultimo e chi non presenterà la domanda entro quella data sarà giocoforza fuori dalla possibilità di ristoro o di finanziamento”.

 

 

SHARE