Quarantatré campi scuola, 1090 ragazzi (di età compresa tra gli 11 e i 17 anni) che tra il 26 giugno e il 3 settembre parteciperanno ai campi scuola scuola di protezione civile Anpas.
Anch'io sono la Protezione Civile

Anche quest’anno, per il nono anno, le pubbliche assistenze Anpas hanno infatti preso parte al progetto “Campi scuola – Anch’io sono la Protezione Civile”, promosso dal Dipartimento della Protezione Civile e nato con l’obiettivo di diffondere la cultura di protezione civile tra le nuove generazioni.
Da fine giugno a inizio settembre saranno quasi trecento i giorni complessivi di esperienza in cui i futuri volontari di protezione civile compiranno un vero e proprio “viaggio” all’interno del mondo della protezione civile, a contatto con quasi 900 volontari Anpas scoprendo quanto l’impegno del singolo sia indispensabile al funzionamento dell’intero sistema.

Stromboli, campo scuola 2015
La finalità di questo progetto è quella di stimolare tra i giovani il senso di responsabilità e di cittadinanza attiva attraverso la condivisione delle buone pratiche di protezione civile. Esplorazione e contatto con la natura, prevenzione dei rischi, esercitazioni in squadra, presa di responsabilità nei confronti della comunità saranno parte della metodologia che i volontari Anpas adotteranno per far scoprire le attività di protezione civile, i piani comunali di protezione civile e il Servizio Nazionale della Protezione Civile.

Anch'io sono la Protezione Civile: la formazione sanitaria

Tre le aree tematiche che saranno oggetto della esperienza dei ragazzi: antincendio boschivo, sistema nazionale della protezione civile, piani di protezione civile.
«Stiamo coltivando i volontari della protezione civile di domani, ma soprattutto i cittadini che si prenderanno cura delle nostre comunità, dei nostri territori e dei beni comuni del futuro», dice Carmine Lizza, geologo e responsabile nazionale Anpas di Protezione Civile. «I campi scuola rientrano appieno nel piano strategico di sviluppo del settore protezione civile ed in particolare in quello della formazione e prevenzione. Questi ragazzi», conclude Lizza «hanno la fortuna di poter costruire il loro percorso di cittadinanza attiva e di responsabilità: in bocca al lupo a tutti loro e speriamo di ritrovarli nelle nostre pubbliche assistenze anche dopo questa esperienza come in tanti hanno fatto».

Dove: Abruzzo (Altino, Civitella Roveto, Magliano de’ Marsi, Morro d’Oro, Valle Castellana), Campania (Ariano Irpino, Baronissi, Castelpoto, Corbara, Frasso Telesino,Mirabella Eclano, Pagani, Scampitella, Siano, Solofra), Lazio (due campi scuola a Roma), Liguria (Genova), Lombardia (Gromo), Puglia (Castellana Grotte, Sava, Troia, Trinitapoli), Sardegna (Villaputzu), Sicilia (Agira, Barcellona Pozzo di Gotto, Enna, Niscemi, Palermo, Paternò, Petralia Sottana, Piazza Armerina, Prizzi, San Giovanni Gemini, Saponara), Toscana (Marradi, Pisa, Stazzema), Valle d’Aosta (Valtournenche). il primo campo scuola Anpas inizierà a Mestre il 26 giugno, l’ultimo inizierà a Niscemi il 29 agosto.

Una opportunità, quella dei campi scuola in una pubblica assistenza Anpas, che dal 2008 al 2015 ha ospitato 3851 ragazzi in 145 campi scuola. «I giovani sono il futuro del volontariato e speriamo che con l’adeguata formazione riusciranno ad approfondire, aumentare la consapevolezza e magari in futuro provare l’esperienza del volontariato», dichiara Fabrizio Pregliasco, Presidente Anpas.
Il progetto di formazione “Campi scuola – Anch’io sono la Protezione Civile” è nato nel 2007 con l’obiettivo di diffondere la cultura di protezione civile tra le nuove generazioni.

SHARE